La dura scelta dell'hair stylist

Alzi la mano chi NON ha mai avuto il desiderio di accoppare il parrucchiere? Scommetto che nessuno ha alzato la mano, perché questo infelice istinto è capitato a tutte almeno una volta...e anche di più!

Avete presente quelli a cui per tre ore spieghi che li vuoi solo regolare un po' e ti ritrovi, invece coi capelli a spazzola?!? perché secondo lui ti donava, e invece tu piangi perché sembri una a cui hanno tagliato i capelli perché le hanno trovato le piattole??? Oppure sicura di conoscere i tuoi capelli, con cui, tutto sommato, convivi da tutta la vita, spieghi al sedicente mago del capello che non vuoi scalarli soprattutto NIENTE frangia perché hai i capelli crespi (non so se ho ribadito abbastanza questo concetto) e con la piega fatta dal parrucchiere ci può anche stare, ma che quando li laverò a casa...risultato: bau bau bau una bella barboncina nera, eccoti un osso...

Allora come scegliere il salone giusto? Vi dò alcune linee guida:

I. cominciamo con il provare un parrucchiere che ti ha consigliato qualcuno di cui ti fidi e di cui, ovviamente, ti piace la capigliatura, intesa come taglio e colore.

II. Il luogo deve essere pulitissimo ( la pulizia deve essere il primo servizio offerto ) e in ordine, il personale deve essere preparato a trattare con i clienti cioè PRONTI ALL'ASCOLTO e, naturalmente, tecnicamente impeccabile.

III. Il prezzo deve essere giusto cioè non troppo basso, perché mi viene il dubbio su che tipo di prodotti usano e sul trattamento riservato al personale.. Ma neanche troppo alto perché secondo me corrisponde ad un ego gonfiato e non è certo saggio spendere 200/300 euro dal parrucchiere.

IV. E' da preferire, secondo me, un hair stylist le cui poltrone non diano sulle vetrine, insomma un minimo di privacy almeno quando abbiamo asciugamani in testa e cotone tra le dita dei piedi...manteniamo un minimo di mistero..

V. Ma ciò che fa capire se è il parrucchiere che fa per noi è la sua professionalità che si misura così: per trattare il capello deve saperti, innanzi tutto, trattare la cute: se la cute è sana, il capello è sano. DEVE ascoltare le tue idee e le tue esigenze, deve considerare "il santino" cioè la foto che gli hai portato per spiegare cosa vorresti, ma DEVE SAPERTI SPIEGARE se la tua idea è realizzabile sulla tua testa. DEVE saperti VALORIZZARE.

Insomma curare la salute del capello e saper donare un taglio valorizzante.

Buona caccia!;-))

A breve la mia scelta personale e le sue motivazioni

Tags: Capelli, Ascolto, Cute, Hair Stylist, Pulizia